SCHEDA TECNICA

Karina
nome:
Karina
denominazione:
Vino Rosato
anno:
2016
uva:
Pelaverga (40%), Nebbiolo (20%), Barbera (20%), Freisa (10%), Grignolino (5%) field mix (5%)
VIGNETO
 
ubicazione:
La Morra, Monforte d’Alba
anno d’impianto:
diversi anni
raccolta:
20/09 - 03/10/2016
VINIFICAZIONE:
la Pelaverga e una parte della Barbera si raccolgono appositamente per fare rosato mentre il Nebbiolo e l’altra parte della Barbera provengono dai salassi dei nostri vini rossi più importanti. Il Grignolino invece, che proviene da un impianto misto con una piccola percentuale di Moscato, essendo quasi privo di colore, viene vinificato in “orange” (con le bucce per parecchi giorni). Il taglio si fa subito dopo la vinificazione.
FML:
non svolta
INVECCHIAMENTO:
su feccia fine in vasca d’acciaio per 5 mesi.
imbottigliamento:
28/03/2017 (Lotto L0217085)
produzione:
3360 bottiglie di 0,75 l
ANALISI
 
alc.% vol.
12,34%
pH:
3,35
acidità totale:
6,41 g/l
acidità volatile:
0,24 g/l
zuccheri residui:
1,0 g/l
SO2totale:
118 mg/l
estratto secco:
20,9 g/l

Il vigneto: la maggior parte delle uve e dei mosti proviene della nostra tenuta a Monforte d’Alba (Vigna Chiesa), dove sono ubicate le vigne di Barbera, Nebbiolo e Grignolino. Quest’anno abbiamo vendemmiato per la prima volta anche i nuovi vigneti a La Morra (Castagni MGA), da dove proviene la Pelaverga (Castagni fa parte della Verduno Pelaverga DOC).

Le varietà: la prima annata di lavoro con la Pelaverga in vigna ci ha insegnato che questa varietà è molto produttiva e la vite non riesce a far maturare tutta l’uva nonostante i 2 diradamenti e 1 raccolta per spumante (dove ci vuole proprio uva non matura). Quindi in cantina sul tavolo di cernita abbiamo tolto i grappoli meno maturi e scarsi di colore della selezione per la DOC Verduno e li abbiamo subito pressati per fare vino rosato. Lo stesso per la Barbera. Per il Grignolino abbiamo ripetuto la pratica dell’anno scorso (l’«orange») visti i risultati soddisfacenti.

Il vino: visto che per questo vino sono state usate le uve «in eccesso» (la 2016 è stata una vendemmia più che abbondante) e anche le uve che non hanno qualificato per le DOC, lo proponiamo come «vino rosato» (cioè senza DOC). E’ fatto in stile «Provenza», con un po’ di zucchero residuo, ma ben equilibrato con l’acidità «Langhe DOC».

The name: «carina» con la «K» diventa un nome feminile.

×

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.